logo
Siete in > Home > Bonsai > Concimazione

 

Concimazione

È importante mantenere il bonsai in un terreno fertile nel quale possa trovare ogni sostanza nutritiva necessaria al suo sviluppo. L'annaffiatura da sola non può bastare, quindi è necessario concimare il bonsai ogni venti giorni durante i mesi che vanno da marzo ad ottobre (evitando luglio e agosto).
Sul mercato possiamo trovare concimi di tutti i tipi: organici o minerale, liquidi o solidi, a pronta o a lenta cessione. L’attenzione sulla scelta del concime, però deve focalizzarsi sul contenuto (il cosiddetto “ordine”) del concime, ovvero le percentuali di macroelementi, azoto (N), fosforo (P) e potassio (K), presenti nel concime stesso,
Vediamo a cosa servono queste sostanze,
(N) Azoto: serve per la crescita e allungamento, piu azoto c'è più distanti sono gli internodi, le foglie più grandi

(P) Fosforo: serve soprattutto alla fioritura, per questo se abbiamo delle piante che fioriscono cercheremo di dargli piu fosforo e insieme al potassio serve a far lignificare i rami

(K) Potassio serve per lignificare dopo la crescita e anche a dare una buona protezione dal freddo

 

Visto l'utilità di ogni macroelemento in primavera useremo un concime più ricco di azoto per esempio un ordine n,p,k 7,3,1 con 7 di azoto, 3 di fosforo e 1 di potassio, in autunno prenderemo un ordine inverso per esempio n,p,k 3,7,7.
Questi sono valori indicativi di concimi organici che sono i più consigliati quelli chimici ci vuole molta attenzione un sopraddosaggio e la pianta muore invece con l'organico è permeso anche qualche piccolo errore.
È consigliato l’utilizzo di concimi relativamente ricchi di azoto per i bonsai giovani e in formazione, e di concimi relativamente poveri di azoto e ricchi di potassio e fosforo per i bonsai già adulti e formati. Due o tre volte l’anno è consigliato somministrare dosi di microelementi (ferro, rame, zinco, magnesio, boro, manganese, zolfo, ecc.). Le dosi devono essere estremamente leggere (circa la metà della dose consigliata sulla confezione) per non compromettere l’apparato radicale. Non concimare piante debilitate, trapiantate o defogliate da poco. Per ultimo una raccomandazione: meglio concimare poco che troppo. Un eccesso di concime può addirittura uccidere il vostro bonsai, cosa che non accadrà mai per una scarsa concimazione.